mercoledì 22 marzo 2017

L'OFFICINA DELLE IDEE DI MAMMA E PAPA'

Mamme, papà e genitorialità.
Da qui parte il nuovo laboratorio di comunità che sta prendendo vita a Lainate, pensato in origine da Nadia e Carmen, che con il loro entusiasmo sono riuscite a coinvolgere altre mamme con bambini di età scolare e prescolare.
Insieme abbiamo steso un questionario da presentare ai genitori lainatesi attraverso la distribuzione nelle scuole dell'infanzia e negli asili nido del territorio, accompagnandolo a degli eventi per la famiglia come formazioni, laboratori e serate su tematiche specifiche.
L'officina delle idee di mamma e papà sta sempre più diventando uno spazio di confronto e condivisione aperto a tutti quei genitori, (mamme in particolare, ma non vediamo l'ora di accogliere anche qualche papà!) che hanno idee da proporre o questioni da mettere a tema nella prospettiva di lavorarci insieme per trovare le strategie migliori per risolverle o metterle in pratica. Un'occasione per riflettere, progettare e vivere insieme la genitorialità!






venerdì 17 marzo 2017

Guardaroba Amico : un posto magico !

C’è un posto magico a Settimo Milanese! 
Il sogno di tutte le donne si avvera ogni seconda e quarta domenica del mese!
Quale sogno? Ma è ovvio: fare shopping senza spendere un euro!!!
Il GUARDAROBA AMICO apre alle 10 del mattino e fino alla chiusura delle 17 è un via vai di persone che curiosano, provano, scelgono i capi più adatti a loro e alle loro famiglie. Il GUARDAROBA AMICO è aperto anche allo scambio e alla partecipazione attiva dei cittadini. Infatti, per rendere sostenibile il progetto e favorire la lotta allo spreco chi vuole può portare gli abiti che non utilizza più, quelli che vanno un po’ stretti o troppo larghi, quelli  che sono un po’ fuori dall’ultima moda. Ma che, indossati, andranno benissimo ad altre persone più magre oppure con qualche chiletto in più. Perché la vita di un abito è molto lunga e può soddisfare i bisogni di più persone. E anche perché sprecare non è mai una cosa positiva. C’è un po’ di tutto: famiglie bisognose, quelle con i bambini piccoli che crescono sempre troppo in fretta, signore chic alla caccia del capo sfizioso da portare a casa, semi nuovo e che non pesa sul bilancio famigliare!
La vista degli stendini pieni zeppi di abiti usati, ma in perfetto stato, è irresistibile per chiunque!
Il progetto è realizzato dall’organizzazione umanitaria HUMANA People to People grazie al contributo di Fondazione Comunitaria Nord Milano. HUMANA - presente nel comune di Settimo con i contenitori gialli per la raccolta degli indumenti. Humana  raccoglie, seleziona e igienizza gli abiti adatti alla stagione in corso e con grande sforzo e soddisfazione di Alessandra, la referente dei Progetti in Italia, ogni due domeniche fornisce il negozio del GUARDAROBA AMICO di ogni sorta di capi di abbigliamento: maglie, golf, camicie, abiti, pantaloni, jeans, sciarpe e foulard, scarpe sia per uomo che per donna. E poi un reparto bambino/a fornitissimo , con tutto quello che è necessario per vestire comodo, ma anche elegante e alla moda!
Lo spazio è quello di Palazzo Granaio e il progetto è ospitato da #Oltreiperimetri e le sempre presenti volontarie dell’Attimo Fuggente – Nuova Banca del Tempo di Settimo Milanese - si sono occupate di comunicare l’iniziativa a tutta la zona di Settimo Milanese e limitrofi. Non dimentichiamo qui neppure il Comune di Settimo, che ha voluto, sponsorizzato e comunicato anch’esso l’evento.
Ogni domenica le presenze aumentano, la stanchezza anche, ma la soddisfazione di vedere i visi felici delle persone che portano a casa il loro sacchetto con quanto scelto o semplicemente donano i propri capi, riempie di felicità tutti quelli che hanno lavorato al progetto! 
E adesso? Se non ci siete ancora stati, mancate solo voi!!!
(Teresa – L’Attimo Fuggente)




martedì 14 marzo 2017

#donneoltreiperimetri!

L'8 Marzo ognuno lo festeggia un po' come gli pare (e questo si sa).
C'è un gruppo di donne però che l'8 Marzo inizia a sentirlo come una tradizione, come una festa da passare in un posto un po' speciale che ha sempre più il sapore di casa: l'#op cafè di Lainate.
Quindi, come quando si organizza una festa a casa propria, le donne si sono "messe al lavoro" per rendere la serata davvero molto, molto piacevole. 
Melina, per esempio, ha preparato più di quaranta sacchettini di zuccherini -rigorosamente gialli!- fatti con le sue mani da regalare a tutte le partecipanti e durante la serata ha tenuto una dimostrazione -molto apprezzata- di come si preparano. Ah si, poi ha anche fatto una torta mimosa da leccarsi i baffi.
Valeria ha confezionato delle bellissime decorazioni, pon pon e poesie, lei che dal niente, come per magia, riesce sempre a creare delle piccole meraviglie. E poi ha preparato un'originale lavagna fatta a mano sulla quale chi lo desiderava, a fine serata, poteva scrivere un pensiero...e molte donne lo hanno fatto, lasciando pensieri che si leggono volentieri, sulla soglia, prima di andare via
Susi poi, insieme a Norma, ha lavorato all'uncinetto instancabilmente per realizzare dei centrotavola a dir poco stupefacenti e dei regali ambitissimi che sono stati messi in palio duante la serata. Emanuela ha supportato tutti e tutto, come sempre, con il suo travolgente entusiasmo. Le idee per questa serata infatti sono venute proprio alle partecipanti del laboratorio di comunità "Amici all'#op" e tutte le ragazze hanno contribuito con un'idea, un suggerimento, un desiderio, una proposta...proprio come Laura e Rita! Dopotutto il laboratorio di comunità serve a questo...a esprimere dei desideri...a immaginare come realizzarli, scoprendo che insieme è tutto più possibile. La serata è proseguita tra brindisi,  deliziosi cibi praparati da ciascuna -e condivisi come da tradizione- e molte chiacchiere. Dire i nomi di tutte le donne presenti, di tutte coloro che hanno preparato qualcosa di bello per la festa (e per gli altri) è impossibile perchè eravamo più di quaranta ma quello che è certo è che ognuna...Carmen, Marilena, Silvia, Annamaria, Giusy, Graziana...proprio ognuna ha contribuito a far risentire la bellezza che si genera quando un gruppo di donne sta insieme, condivide, inventa. Queste sì che sono donne #oltreiperimetri!

dalle scuole alle famiglie

L'Educazione Finanziaria, come già sapete, è entrata quest'anno nelle scuole del Rhodense. 12 percorsi già realizzati di sensibilizzazione alle tematiche della pianificazione e del risparmio per ragazzi delle elementari e delle medie. Ma il vero obiettivo è di non fermarsi lì! Al termine di ogni percorso invitiamo sempre i genitori dei ragazzi e i professori ad un momento di incontro e conoscenza nell'#op café, per spiegare il progetto #oltreiperimetri e promuovere le molte iniziative per gli adulti e le famiglie, soprattutto nel campo dell'educazione finanziaria.
Così anche venerdì sera, quando abbiamo accolto i genitori della 2°C delle secondarie Frank in via Pomé a Rho, e ieri sera, con i tantissimi genitori delle quarte e quinte elementari di via Terrazzano (IC Grossi). La risposta in termini di presenza e interesse dimostrato è stata convincente, soprattutto con le elementari, che hanno portato il maggior numero di genitori finora. Continuiamo così!

venerdì 10 marzo 2017

RI-CREAZIONE

La nostra affezionata cittadina lainatese Valeria ha riaperto il suo percorso "PAUSA CREATIVITA'" con un bellissimo laboratorio di recupero per tutte le persone che si erano perse le puntate precedenti riproponendo tutte le tecniche artistiche affrontate negli scorsi incontri.

La serata è stata un momento speciale di chiacchera e condivisione, all'insegna di Mandala Terapy, acchiappasogni, Magic Marble e Art Poch. 

Con una musica soffusa e rilassante in sottofondo le partecipanti dicono di aver trovato uno spazio di libertà e serenità tra la frenesia quotidiana, lasciando libera la fantasia e l'immaginazione e una di loro, Melina, dice: "sono tornata indietro ai tempi delle elementari ed è uscita la bimba che è in me!".
Chissà il prossimo incontro, lunedì 27 marzo,  cosa si inventerà la nostra donna creatività accompagnata dall'esperta pasticcera Melina! Venite a scoprirlo...














giovedì 9 marzo 2017

PARENTAL TRAINING..PARLA L'ESPERTA!


Che cos' è il Parental training? 
Ieri mattina all'#OP cafe di Rho, Antonia Palumbo ed Erika Marchetti ha parlato con un bel gruppo di mamme del rhodense di problematiche riguardo il ritardo del linguaggio rivolto ai genitori con bambini fino a 3 anni. Il target a cui si rivolge è quello dei genitori di bambini fino a tre anni, per i quali il lavoro logopedico è ancora prematuro, e consiste nel far sì che il genitore apprenda le modalità più funzionali per interagire con il piccolo facendo leva sui punti di forza del loro stile comunicativo.E' quindi un programma di intervento che ha l’obbiettivo di creare dei contesti interattivi, attraverso semplici esercizi fonologici giochi e letture condivise, per il bambino nel suo ambito di vita quotidiana con lo scopo di stimolare la comunicazioneLa proposta è stata molto partecipata e le mamme si sono sbizzarrite con domande e dubbi sulla questione proponendo altri due incontri mattuttini con le specialiste.Grazie Antonia ed Erika...alla prossima!









mercoledì 8 marzo 2017

"About 500" un Coro per tutti a Pregnana



Tutti i venerdì sera (dalle 21 alle 23) un gruppo nutrito, di circa 50 cittadini di Pregnana e dintorni, si ritrova semplicemente per cantare insieme. I brani sono proposti da Marco e dal gruppo di promotori di questa iniziativa e Vita dirige con maestria il Coro.

Per ovvie ragioni di spazio, l'#op di Pregnana non poteva ospitare l'iniziativa e così, ancora una volta, il Comune ci ha aiutato a trovare un posto più adatto e ci ha proposto di utilizzare l'Auditorium delle Scuole Medie. Per partecipare non serve essere perfettamente intonati, basta aver voglia di stare insieme per passare qualche momento spensierato. I mesi passano e i partecipanti non diminuiscono...anzi... Questo è un bell'esempio di come il "sogno" di un cittadino si possa realizzare lavorando insieme e di come l'idea di un singolo abbia trovato terreno fertile nei desideri di molti.

SHIATZU e scambi di tempo!

I
L'#OP cafè di Rho si colora di chiacchere di carnevale e massaggi Shiatzu grazie alla socia della Banca del Tempo di Rho, Elena Fracca.
Alla scoperta di una tecnica di massaggio del corpo antica, ma sempre molto attuale, ancora una volta la Banca del Tempo promuove una serata interessante e rilassante allo stesso tempo...per conoscere se stessi e mettersi al servizio dell'altro!









mercoledì 1 marzo 2017

"Facciamo Finta Che": 2° appuntamento con nuove emozioni

Domenica 26 febbraio 2017, ore 10:30, Palazzo Granaio – Settimo Milanese
Siamo qui in tre dell’associazione “Il Settimo Sogno”, pronte per iniziare l’allestimento dell’attività che si terrà nel pomeriggio. Troppo presto direte voi… le famiglie non arriveranno prima delle 15:00! Eppure, vi assicuro, il tempo sembra non bastare mai: scarica il materiale dalle auto, portalo nel locale osteria, sistemalo, assicurati che ci sia tutto e che tutto sia disposto al meglio per poter accogliere bimbi e genitori nel modo migliore e far sì che l’iniziativa possa svolgersi senza intoppi e con successo. No, decisamente non è troppo presto.
Passa veloce la mattina e così, dopo una meritata pausa pranzo, ci raggiungono le altre socie e i nostri amici, Marianna Galeazzi di “Semeion Teatro” ed il musicista Maestro Valentino Tamponi: la squadra è al completo e finalmente siamo pronti per dare il via al secondo appuntamento del percorso “FACCIAMO FINTA CHE… edizione 2017!” 
Un percorso, lo ricordo per chi non lo conoscesse ancora, composto da quattro incontri, rivolto a genitori e figli (in età da scuola elementare), per esplorare il fantastico mondo delle nostre emozioni, guidati da figure professionali (operatrice teatrale e psicologa). 
Il primo incontro si è svolto a gennaio ed è andato benissimo! Per forza, dico io! Si affrontavano emozioni riconosciute tutto sommato come “positive”: attesa, curiosità, stupore… Ma oggi… oggi la giornata si preannuncia più “buia e triste” … oggi parleremo di delusione, frustrazione, invidia! Certo non ci sarebbe da stare troppo allegri con temi come questi, se non fosse per le modalità con cui abbiamo deciso di affrontarle…gioco, teatro, narrazione, musica…
Ed ecco allora una montagna di pacchetti regalo con fiocchi e nastrini, pronti per essere pescati da ogni partecipante, estraendo un numero a sorte e ritirando il corrispondente regalo! Già… i regali… che delusione questi regali! Chiedete a chi ha ricevuto mollette per stendere il bucato, rotoli finiti di carta igienica, ritagli di stoffa, pennarelli scarichi e tutti dello stesso colore… e la lista sarebbe ancora lunga… altro che sorpresa!!! Adulti e bambini (e le foto parlano da sole) hanno così sperimentato cosa vuol dire essere delusi da qualcosa o anche da qualcuno quando non è come ci aspettiamo o immaginiamo. Ogni cosa apparentemente inutile, brutta e insignificante, trovata nei pacchi regalo, è però servita alla fine per costruire una magnifica immagine di un cammello, anzi, “del” cammello protagonista della storia che ci ha guidato lungo questo pomeriggio insieme… immagine che per essere apprezzata, bisognava guardare dall’alto, cioè da un’altra prospettiva, ovvero un po’ come le delusioni che possono essere viste anche come occasione di crescita e cambiamento.
Questo cammello, dicevamo, ci ha accompagnato raccontandoci la sua storia, la sua frustrazione e l’invidia provate nel perdere una gara o in un gioco ad esempio, o nel non riuscire a fare bene o addirittura meglio ciò che riusciva splendidamente ad altri amici animali, senza rendersi conto che lui stesso era unico, speciale e riusciva al meglio in cose che altri non sapevano fare. 
Non sono mancati veri e propri colpi di scena che membri dello staff de “Il Settimo Sogno” e Marianna di “Semeion Teatro” hanno saputo brillantemente rappresentare e far vivere ai partecipanti, molti dei quali, soprattutto bambini, hanno creduto stessero accadendo veramente e non per finzione.
Ed ecco allora, come se non fosse bastata la delusione di ricevere il regalo più brutto, anche la frustrazione di perdere al tiro alla fune con conseguente scenata e muso lungo e, ancora, il disappunto, frutto di una pungente invidia, davanti al vedere fare i complimenti, stile “standing ovation”, al tuo vicino che suona divinamente ma non a te che leggi e racconti storie magistralmente, conquistando tutti con la tua interpretazione.
A dirla tutta, ci siamo proprio divertiti!!!
Un doveroso e sentito grazie allo staff de “Il Settimo Sogno”, alla bravissima Marianna Galeazzi di “Semeion Teatro” che ormai da due anni sogna, programma e conduce con noi questo percorso, al sempre disponibile e abilissimo Maestro Valentino Tamponi per l’accompagnamento musicale, ad Arianna di Oltreiperimetri per il supporto.
Che dire, pomeriggio riuscitissimo, laboratorio finale per i bimbi e gruppo di confronto fra adulti compresi! Famiglie partecipi e soddisfatte, noi che abbiamo organizzato anche!
Una delle bimbe presenti, a fine giornata ci ha fatto mandare un messaggio dalla mamma: “E’ stato il laboratorio più bello della mia vita!” … grazie Emma a te, a tutti coloro che hanno partecipato e a quanti continuano a seguirci e sostenerci. Queste sono per noi grandi soddisfazioni che ci fanno pensare di essere sulla strada giusta e alimentano la nostra voglia di continuare a sognare, insieme a voi!
Scriveteci, siamo sempre felici di ricevere vostri commenti e suggerimenti e se volete unirvi a noi per sognare insieme, vi aspettiamo: più siamo e più possiamo sognare in grande!
PS: sulla nostra pagina ufficiale fb trovate l’album fotografico dell’evento, buona visione!

Vi ricordo i nostri contatti:
Tel: 02.87.16.94.66
info@ilsettimosogno.it
www.ilsettimosogno.it
FB IL Settimo S HYPERLINK "https://www.facebook.com/ilsettimosogno/?fref=nf"O HYPERLINK "https://www.facebook.com/ilsettimosogno/?fref=nf"GNO

Angela De Paulis (Il Settimo Sogno) 




venerdì 24 febbraio 2017

Love is in the air

La mattina di San Valentino l’#OP café di Rho si è trasformato in una fabbrica di golosi biscotti a forma di cuore.
Si tratta di Batticuore un laboratorio della Colazione delle mamme che, in occasione della festa degli innamorati , si sono ritrovate per creare dolcetti pieni d’amore.
Alle 10 del mattino ogni mamma è arrivata col proprio bambino e insieme hanno realizzato questi biscotti di pasta frolla personalizzandoli poi con colorate decorazioni; chi ha scelto le proprie iniziali, chi fiorellini o cuoricini.  
Con un piccolo contributo di 2 euro ogni famiglia è tornata a casa con il proprio vassoietto di dolci cuori e ha trascorso una mattinata diversa divertendosi.
Quale modo migliore per festeggiare insieme San Valentino  e soprattutto fare gli auguri a mamma e papà?
Una volta terminato il laboratorio, qualcuno si è fermato per un pranzo condiviso che è stato organizzato e gestito autonomamente dal gruppo all’interno del nostro spazio.
L’idea di preparare insieme ai bimbi dei biscotti a tema è stata un successo ed ha suscitato l’interesse e la partecipazione di nuove mamme che si sono subito integrate, grazie anche all’ambiente positivo e familiare che si respira durante questi incontri.
 Ci auguriamo quindi che il numero di partecipanti alle colazioni possa crescere ancora, coinvolgendo sempre più persone.
Ricordiamo che è possibile trovare maggiori informazioni iscrivendosi al gruppo “La Colazione delle Mamme” su Facebook.
Prossimo appuntamento fissato per martedì 28 febbraio, sempre in #OP cafè Rho alle 10 del mattino.


martedì 21 febbraio 2017

Un attimo di G.A.S. ovvero una rete di economia solidale

Noi siamo ciò che mangiamo. Noi siamo come mangiamo. Scopo del cibo è donare vitalità all’organismo: “Fa che il cibo sia la tua medicina e che la medicina sia il tuo cibo” scriveva Ippocrate nel IV secolo A.C. Più il cibo che ingeriamo conserva la sua integrità più grande è il dono che facciamo al nostro corpo. Un corpo è sano quando mangia cibo sano e la scelta del cibo e la sua genuinità dipende esclusivamente dal singolo individuo. Ecco perché provare ad allontanarsi dalla logica consumistica della grande distribuzione, ipotizzando possibili canali alternativi a km 0 che possano tener conto di questa prospettiva. Sperimentare una rete di economia solidale anche nel cibo, che è quanto L’Attimo Fuggente si prefigge con “Un attimo di G.A.S.” favorisce una riscoperta della relazione con il cibo e con coloro che lo producono, in una logica di responsabilità diretta da ambo le parti: il singolo nei confronti della propria salute e il produttore nei confronti dei consumatori. In tale maniera non solo consumatore e produttore si esprimono rispetto e fiducia reciproca ma anche l’ambiente ne trae beneficio in termini di inquinamento prodotto.

Un seme contiene in sé più forza e potenza di quanta ne realizzerà la pianta.

Paola Fornasiero (L' Attimo Fuggente )

lunedì 20 febbraio 2017

Laboratorio Genitori di Settimo: corsi per ragazzi, serate per genitori e altro ancora



Nell’ultimo incontro i genitori di Settimo insieme ad Oltreiperimetri ed al progetto Genitori in Rete hanno ragionato sulle proposte da fare ai ragazzi di Settimo e alle loro famiglie. Si è discusso sui bisogni formativi e laboratoriali dei ragazzi di Settimo. Anche i genitori si mettono in gioco per aiutare i loro figli nel percorso educativo per aiutarli nella delicata fase dell’adolescenza. Sono previste per i genitori delle serate legate a tematiche specifiche e gruppi di incontro 

finalizzati al confronto e allo scambio di esperienze. 
Per i ragazzi da marzo oltre allo Spazio Compiti “Non Solocompiti a Palazzo Granaio” sono previsti i seguenti laboratori gratuiti:

" Small Talk Workshop" Converazioni in Lingua
"Corso di Spray Art!" Realizziamo insieme il nostro Murales  
"Scopri l’ X factor che é in te!" Breve Corso di Canto
"Hip Hop":  La Danza che arriva dalla strada
"Come funziona e come puoi costruire la tua Stampante 3D"

venerdì 17 febbraio 2017

I Nostri Cicloviaggi... tra avventura e cultura



Oltre 60 persone presenti all’incontro con gli amici cicloamatori di ABBIATEinBICI.  I relatori si  impegnati, con l’aiuto delle slide e della loro abilità narrativa, a descrivere gli iperbolici cammini che raccontano la storia della cultura italiana ed europea. Dal mitico cammino di Santiago”: una entusiasmante cavalcata fra misticismo e temperature equatoriali; alla via Francigena che attraversa l’Europa da Nord a Sud; e ancora in Italia attraverso la via Adria, dalla toscana a  Roma e così via fra asfalto bollente e sterrati polverosi.  I nostri amici non sono superuomini con biciclette da migliaia di euro e attrezzature all’avanguardia , ma persone di tutte le età con tanta curiosità e voglia di avventura e per scoprire luoghi inaspettati e panorami mozzafiato, accompagnati dalla loro fidata bicicletta e da uno o più buoni amici. Complimenti ai narratori di queste piccole avventure (Giovanni, Stefano e Giuseppe)  e che ci hanno fatto emozionare ed  appassionare ed al Laboratorio  “Palco Aperto”  (in particolare Rosangela) per la capacità di organizzare un incontro con tanta cordialità accoglienza e,  in fine serata un buon bicchiere di vino, un po’ di chiacchiere, i commenti e  le ultime domande su qualche consiglio utile su come affrontare i percorsi.




Le badanti nel progetto #Oltreiperimetri

Abbiamo sempre pensato che le badanti di Settimo milanese potessero dedicare poche energie al progetto #Oltreiperimetri. Avere solo la domenica come giorno libero è effettivamente limitante. Eppure, abbiamo scoperto che la voglia di partecipare non manca. Per rendercene conto è bastato andare a trovare le badanti qualche domenica a palazzo Granaio, dove si trovano per pranzare e trascorrere insieme l’unico giorno di riposo. L’occasione è stata offerta dal mercatino dei vestiti usati che si tiene al Granaio a domeniche alterne. In quelle domeniche le badanti hanno potuto conoscere (e in certi casi invitare a tavola) operatori, volontari, cittadini che passano di lì per gestire il mercatino o scambiare vestiti. Presa confidenza con i frequentatori dell’#op, ora alle badanti sembra naturale, nelle domeniche del mercatino, aiutare a riordinare gli spazi del Granaio o scambiare quattro chiacchiere con il volontario di turno. Da cosa nasce cosa e le “nostre” badanti hanno ora un piccolo progetto: organizzare una sorta di festa, per fare conoscere agli abitanti di Settimo un po’ della loro cultura. In tutti i campi: cucina, musica, tradizioni, leggende…comprese quelle più note su vampiri e conti sanguinari, da trattare con la dovuta ironia.

mercoledì 15 febbraio 2017

A Pomerendiamo ci si prepara per il Carnevale

Questa volta l'idea di organizzare un'attività laboratoriale all'interno di Pomerendiamo è stata di Linda. Linda è una delle mamme che ha contribuito alla nascita di questo spazio e che continua tenacemente a dedicare tante energie per farlo funzionare. La creatività di Linda ha coinvolto tutti i presenti nella costruzione di spade, scudi e bacchette magiche. Alcuni hanno contribuito portando cartoni ed altri materiali che potevano servire altri si sono dati da fare per aiutare Linda nella gestione del laboratorio. Alla fine Debora si è fatta promotrice della raccolta di piccole offerte libere che sono andate a costituire un fondo cassa che rimarrà a disposizione per finanziare i prossimi progetti. A tutti è piaciuta l'idea di alternare pomeriggi di gioco libero con altri più strutturati da un  attività laboratoriale e sull'onda dell'entusiasmo sono già state lanciate tante belle idee per il futuro. Grazie a Linda per la grande passione e disponibilità che ci mette e grazie a tutte le altre mamme, papà, nonne e nonni che si sono messi in gioco !
Vi ricordiamo che Pomerendiamo è uno spazio di incontro, merenda e gioco per bambini e adulti gratuito e aperto a tutti. Vi aspettiamo !